Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘softair’

Di seguito pubblichiamo 5 commenti postati sul tema del SoftAir sulla Montagnola Senese pervenuti nei giorni scorsi da Panda, minired@interfree.it 22/03/2010 at 14:47:35 , Tiziana, tizianasev@libero.it 23/03/2010 at 17:08:41, Luca Faleri, 4gatti.eu, luca@4gatti.eu 25/03/2010 at 23:40:51, Panda, minired@interfree.it, 26/03/2010 at 11:31:05Riccardo, caluso16@virgilio.it 29/03/2010 at 15:55:52

(altro…)

Read Full Post »

Con questo post è intenzione della nostra Associazione limitare, almeno per il momento, la discussione su questa problematica, al fine di non monopolizzare lo spazio da destinare ad altre e ben più gravi emergenze ambientali.  Riteniamo giusto chiudere con una rassegna delle opinioni da più parti espresse nei confronti dell’opportunità o meno di effettuare raduni di questo tipo in una zona tutelata. Pubblichiamo le risposte di ‘Panda’, ‘Alessandro Arrigoni’, ‘Frank’, ‘Serena’.  Da questo momento in poi eventuali risposte o contributi saranno pubblicati non più come veri e proipri post, ma soltanto – come è giusto sia – come ‘commenti’ in risposta ai singoli post pubblicati sinora

Panda scrive il :  22/03/2010 at 14:47:35 minired@interfree.it in risposta a: Soft Air a Monteriggioni – Lettera Aperta a “Frank”

Desidero porre un commento, sopratutto vorrei protestare per aver accostato ad una sigla come Soft-Air Mania ( SAM) una simbologia fascita come Squadre di Azione Mussolini. Nessun giocatore di softair si è mai legato a simbologie legate alla dittatura fascista.   Mi si permetta una nota storica : fu Benito Mussolini a sciegliere il colore nero ed il teschio a imitazione degli Arditi della Prima Guerra Mondiale.   Lasciatemi dire che un atteggiamento del genere io lo trovo quanto meno fazioso e totalmente fuori luogo.  Ho altresì notato come si stia avviando un tentativo di legare uno sport ( o hobby , o quant’altro si possa definire…) ad una ideologia da parte del redattore di Italia nostra. Sappia il sopradetto che ci sono moltissimi gruppi di Soft-air con nomi che iniziano o contengono la parola “Spetnatz” e gruppi di fan che hanno come scopo il “ricreare” più fedelmente possibile equipaggiamenti e materiali dell’Armata Rossa .  Non credo che a costoro, come chiunque altro farebbe piacere essere legati a “qualcosa di ideologico” .  Fra parentesi del teschio nero se ne fregiavano i pirati settecenteschi , le brigate repubblicane della guerra civile spagnola ,i sommergibilisti inglesi nella seconda guerra mondiale e d il gruppo OMON Russo.  Vogliamo provare a informarci?

Su wikipedia si parla di softair da molto tempo e con molto più distacco che in queste pagine.

Saluti

 seguono i commenti di ‘Alessandro Arrigoni’, ‘Frank’, ‘Serena’. (altro…)

Read Full Post »

Un giocatore di Soft-Air

Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Scilla Sonnino a Marco Nuzzo, nella speranza che possa contribuire al chiarimento delle rispettive e lecite posizioni

Gentile Signor Nuzzo, leggendo la sua lettera, sono andata a rileggere la mia, per vedere se era vero che io l’avevo duramente attaccata a livello mediatico. Anche rileggendo la lettera, non mi sembra di aver attaccato duramente VOI. Scrivevo, non a caso, ai nostri Amministratori (a livello Comunale, Provinciale e Regionale), perché era DA ESSI che veniva l’errore (forse anche dal proprietario del fondo, ma ammettiamo che lui non lo sapesse, e che mettesse il suo fondo a disposizione inconsapevole che il suo terreno è nel SIR-SIC e che questo gli dà dei vincoli in più, oltre a garantirgli un plusvalore).

Ero (e sono tuttora) stupita del fatto che i Carabinieri che concedevano il permesso e l’impiegato comunale che metteva il comunicato sul sito (e poi l’impiegato che mi ha risposto il 16, in veci del Sindaco, poi il Sindaco stesso, in data 18), che tutti questi, dicevo, non fossero a conoscenza dell’esistenza di una vasta zona di SIR-SIC nella Montagnola Senese, della Direttiva Habitat, e del fatto che ogni attività che POTREBBE (e sottolineo POTREBBE soltanto) mettere a rischio gli habitat protetti in quel SIR e le specie a rischio in quel SIR, HA L’OBBLIGO DI ESSERE SOTTOPOSTO A VALUTAZIONE DI INCIDENZA. [vedi ulteriore risposta http://www.casolenostra.org/index.php?/archives/1725-Lobiezione-Riguarda-Solo-il-Sito,-non-lo-Sport.html – Nota di Italia Nostra]

E inoltre, cosa che non è stata rilevata affatto nella mia lettera, oltre al LUOGO è anche il MOMENTO che è totalmente sbagliato. Siamo non solo in pieno periodo di nidificazione, ma anche usciamo da un inverno rigidissimo, con nevicate anomale, che hanno messo in ginocchio la fauna.

Mi spiace che i mezzi di informazione si stufino presto degli argomenti (o forse qualcuno è stato messo a tacere dall’alto?) perché in lettere successive chiarivo che non ce l’avevo con voi, ma ce l’avrei avuta allo stesso modo con qualunque altra manifestazione sportiva, che potesse ledere fauna, flora e habitat in questa stagione. Purtroppo questo è il mio lavoro: mi occupo di fauna e di habitat, e le assicuro che da quando ho iniziato a studiarli, sia specie che habitat si sono fortemente ridotti, quando non estinti. Perciò, purtroppo, a margine del mio lavoro, devo perdere il mio tempo in attività di “difesa” di ciò che studio (e amo); attività che non spetterebbe a me, ma a chi ci governa. E certo non solo da attività sportive, ma anche da molte altre attività (taglio del bosco, edificazioni abusive, cave, aeroporti, ecc….).

Quindi, caro Signor Nuzzo, credo che una semplice telefonata non sarebbe bastata, perché a seguito di essa voi magari avreste spostato l’evento, ma ciò non avrebbe impedito ai nostri amministratori di ripetere l’errore domani o dopo-domani con altre iniziative improprie. Magari, dopo tutto questo polverone, essi staranno un po’ più attenti a dare permessi senza fondamento all’interno di aree sensibili.

O magari, no?

Buon lavoro anche a voi e, senza polemica alcuna, buon divertimento,

Scilla Sonnino

Read Full Post »

Giocatore di Soft Air in assetto di gara

La guerra simulata che si svolgerà nei boschi della Montagnola il 28.03 prossimo ha suscitato notevoli polemiche; lo stesso blog di Italia Nostra (Siena) ha avuto un picco anomalo di visite, del tutto eccezionale.  Torniamo ancora sull’argomento in maniera irrituale: sono arrivati alcuni commenti ai post pubblicati nei giorni scorsi che riteniamo meritevoli di non essere relegati al semplice ruolo di commento (cosa che essi effettivamente sono), ma ai quali intendiamo dare particolare importanza, elevandoli al rango di post veri e propri, in nome della trasparenza e della democrazia.  Come più sotto scrive Fabio (raptor1000@email.it ) “In un paese democratico e libero, ogni cittadino dovrebbe avere libertà di parola ed espressione. Cerchiamo di utilizzare questi strumenti per come sono nati.”  Ed ecco infatti come Italia Nostra rende piena visibilità alle posizioni degli amanti del SoftAir (‘Max’, ‘Uno degli amici di rambo’, ‘Fabio’ e ‘Mauro Girotti’) (altro…)

Read Full Post »

La guerra simulata che si svolgerà nei boschi della Montagnola il 28.03 prossimo ha suscitato notevoli polemiche; lo stesso blog di Italia Nostra (Siena) ha avuto un picco anomalo di visite, del tutto eccezionale

Per questo motivo torniamo sull’argomento utilizzando una procedura irrituale; sono arrivati dei commenti ai post pubblicati nei giorni scorsi che riteniamo meritevoli di non essere relegati al ruolo originale di commento, ma ai quali intendiamo dare particolare importanza, elevandoli al rango di post veri e propri. (altro…)

Read Full Post »

Pubblichiamo con piacere la lettera aperta che la Dott.ssa Scilla Sonnino, laureata in zoologia e socio molto attivo di Italia Nostra  Siena . Di origini romane, ha vissuto per per lunghi periodi in Terra di Siena effettuando ricerche zoologiche. La prima volta nel 1984/1985 tra Monticiano a Chiusdino, e poi tra il 1989 e il 1991, nel Comune di Casole d’Elsa. Affascinata dall’ambiente e dal paesaggio ha scelto poi di rimanerci.

Gentile Sindaco Valentini e Gentili Presidenti Martini e Bezzini,

ho letto con stupore, trasformatosi poi in orrore, sul sito del Comune di Monteriggioni, che per il giorno 21 p.v. si prevede una giornata di “guerra simulata” nei boschi della Montagnola Senese, intorno a Fungaia, perché “sono stati individuati nuclei di FARC, e il territorio dev’essere bonificato” (sic!).
Non ho scritto prima, perché da martedì scorso, causa neve, siamo stati isolati dal mondo per parecchio tempo, e poi ad intermittenza fino a poco fà (ho perso la prima versione di questa lettera, perché non l’avevo salvata). Qui nel Comune di Casole c’è ancora tanta neve, e temo che sulla Montagnola possa essere peggio…. Prima della neve, percorrendo le strade qui intorno, si vedevano i fagiani che avevano già iniziato la stagione del corteggiamento: quelli che non sono stati stroncati, riprenderanno presto, loro come tutte le altre specie: si sa che questa è la stagione o degli accoppiamenti o delle nascite: giusto in tempo per trovarsi in piena guerra con l’arrivo della Primavera!
Ho visto il sito degli organizzatori dell’evento:
Sì, niente sarà più come prima mi sembra un titolo adeguato.
Non so se loro l’abbiano scelto proprio con questo significato: si scatena l’inferno e poi niente sarà più come prima….
Infatti:
– molti animali saranno disturbati dalla cova, o spaventati perderanno i loro piccoli, o magari saranno feriti, per errore;
-gente che passeggia, magari attirata in zona per un sano week-end al Mercatale di Sovicille, o a cercare asparagi, potrebbe essere ferita al viso, a un occhio (sul sito si legge dell’obbligo di indossare maschere integrali per proteggere tutto il viso, ma lo leggeranno solo i partecipanti);
– quintali di spazzatura saranno lasciati in giro: i proiettili usati, in primis (ne esistono di biodegradabili, ma ovviamente più cari, e non obbligatori); lattine, bottiglie di plastica, incarti di snack, buste di plastica, pacchetti di sigarette, ecc… Ci saranno 15 “pattuglie” certe (4 riserve) ognuna di 8 persone: un minimo di 120 persone, più gli organizzatori. Fate voi il calcolo di rifiuti lasciati alle loro spalle, di auto che fanno rumore e inquinano. Dove? In un SIC (Sito di Importanza Comunitaria) e SIR (Sito di Importanza Regionale).
Rimando i lettori (se questa mia sarà pubblicata sui quotidiani, ma ovviamente Voi, gentile Sindaco e cari Presidenti, sapete benissimo di cosa parlo) al Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n°32  del 11.8.2004, allegato 1, dove ci sono le “Norme di attuazione della Legge Regionale 56/2000” (la legge che porta nella Regione Toscana la “Direttiva Habitat” o Dir. 92/43/CEE che tutela habitat, flora e fauna, rilevanti a livello europeo). In codesto allegato si elencano sia le principali emergenze di habitat, di fauna e di flora presenti sulla Montagnola Senese (a p. 206), sia, per tutti i SIR, le modalità di tutela (a p.5) e le misure di conservazione (a p. 7). Fra queste ultime si distinguono le “positive” (le cose da fare per favorire le esigenze ecologiche dei tipi di habitat presenti) e le “negative” (le cose da NON fare, per evitare il degrado degli habitat……. e la perturbazione delle specie….”). Non mi pare che scatenare la guerra sia considerato: evidentemente non si pensa che uno decida di farla “apposta”.
Ora, da zoologa ed ecologa, mi domando quali conseguenze possa avere una giornata di guerra come quella che si prevede il 21 marzo, su una fauna, una flora e degli habitat già fortemente messi in crisi dal maltempo di quest’anno.  (altro…)

Read Full Post »

Torniamo ancora sul softair ; dopo il primo post (leggi https://italianostrasiena.wordpress.com/2010/03/13/e-bravo-valentini-leggete-cosa-e-apparso-sul-sito-web-del-comune-di-monteriggioni/), pubblichiamo un secondo video sull’argomento, per contribuire a definire i termini del problema. Nel video precedente abbiamo appreso che ogni ‘guerriero’ spara circa 2.500 pallini per ‘battaglia’. Che fine fanno questi materiali? 15 pattuglie per 8 operatori fa 120 persone, che moltiplicate per 2.500 fanno il ragguardevole numero di circa 300.000 pallini di plastica che si semineranno – inutilmente- nell’ambiente circostante. La Montagnola Senese è un SIR (Sto di Importanza Regionale) ed un SIC ( Sito di Importanza Comunitaria). La Montagnola subisce cementificazione e le cave, cercatori di funghi e di castagne, di asparagi e di frutti di bosco. Passino pure  anche i cacciatori (bracconieri compresi)….ma adesso anche i Rambo della domenica…… Italia Nostra si domanda se abbiamo bisogno anche di questi personaggi, nei nostri boschi. Ma si rende conto,  ‘compagno’ Valentini , che Lei si sta prendendo una bella responsabilità morale ? Non trova tutto ciò poco rispettoso nei confronti di coloro che negli stessi boschi ci sono morti davvero sotto il fuoco di armi vere, per amore della libertà e per permettere anche a noi di vivere più liberi?

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: