Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Caselunghe’

CLICCA PER INGRANDIRE

Read Full Post »

Lucilla Tozzi e Carlo Ripa di Meana

Concludiamo l’interessante  ‘querelle’ con l’opinione del Presidente di Italia Nostra Siena, Lucilla Tozzi, inviata nei giorni scorsi al CorrSiena

Per maggiori informazioni è possibile confrontare i post precedenti :

  • Il restauro e l’aumento di volumetria del podere Caselunghe a Scacciapensieri (1) – Guarda la foto pubblicata sul Corriere di Siena!  –
  • (2) – Il parere di Gianfranco Manganelli
  • (3) – La replica di Augusto Mazzini, l’autore del progetto
  • (4) – Le considerazioni inviate al CorrSiena da Paolo Faldoni, socio di Italia Nostra
  • Gent.mo Redattore,

    anche io sono rimasta molto perplessa nel vedere la ristrutturazione  delle case coloniche situate  lungo  via Orlandi a Scacciapensieri.

    Vero è che ormai la collina sottostante è stata sbancata e costruita selvaggiamente, né più rimane traccia della bella oliveta, ma queste coloniche meritavano rispetto, e potevano essere lasciate, nella loro dignità e interezza, a sovrastare le moderne costruzioni . E poi, non è scritto in tutti i Piani Provinciali e Regionali che il prototipo del casolare toscano va in tutti i modi salvaguardato e conservato, quale peculiare caratteristica dei nostri luoghi ?

    Ma la cosa che fa davvero male, oggi, è ricordarsi che tutta la zona di Scacciapensieri è vincolata paesaggisticamente, fino dal 1956, ai sensi della legge 1497/1939, con un Decreto Ministeriale poi recepito sia nel Testo Unico del Ministro Melandri del 1999 ,  sia nel Codice Urbani del 2004.

    Siena , 22 febbraio 2010 

    Lucilla Tozzi – Presidente sezione di Siena di Italia Nostra

    Read Full Post »

    clicca per ingrandire

    Ecco le considerazioni inviate al CorrSiena da Paolo Faldoni, socio di Italia Nostra

    Gentile Redattore,

    dopo aver letto le “riflessioni” del consigliere della circoscrizione 2, Gianfranco Manganelli, riprese da “Zoom”, sul restauro e sull’aumento di volumetria del podere Caselunghe a Scacciapensieri, e la risposta dell’architetto Augusto Mazzini , autore del progetto, al citato consigliere, mi è tornata alla mente la dichiarazione dell’ architetta Carol Davidson Cragoe, che afferma:

    GLI EDIFICI POSSONO RIVELARE LE VITE DELLE PERSONE CHE LI HANNO COSTRUITI E UTILIZZATI

    Ma allora, che dire? Sembrano, incontrandole per strada o vedendole dietro a una scrivania o a un tavolo, o anche alla televisione, sembrano, dicevo. – anche scambiandoci parole di circostanza – persone come noi, questi architetti; spesso anche simpatiche, gentili, che ti mettono a tuo agio. Ma allora: perché costruiscono, ricostruiscono, rimaneggiano, così?

    Potrei dilungarmi su questo tema, ma non voglio. Desidero solo sottolineare che quella specie di “alveari” aggiunti, senza nessuna offesa per le api ingegnere, sono, diciamo “ingenerosi”, nei confronti del buon gusto.

    Non capisco poi, per niente, cosa significhi portare come giustificazione, il fine “sociale”. Trattasi di brutture architettoniche, punto e basta; volerle giustificare entrando nel sentiero “socialeconomico” è fuorviante e illogico.

    Si parla di “coesione sociale”, grazie alle “bow-windows” (ma perché non chiamarle finestre ad arco o a loggia sporgente, o almeno, italianizzando la parola composta inglese, bovindo?). Ma, afferma l’architetto Mazzini,  “arricchiscono la qualità interna degli alloggi, come forse il consigliere non ha potuto intuire. ” Be’, anch’ io, come il consigliere, non l’ ho “intuito”o potuto intuire.

    Quando poi sento parlare o leggo di “contestualizzazione” e di “colloqui con le sottostanti nuove “edificazioni”,  be’, mi viene il mal di pancia.

    Mi permetto ora di fare una sottolineatura : l’Architettura è la scienza e l’ARTE del progettare e del costruire. E l’ARTE è la produzione di opere adeguate ai canoni estetici del bello, prevalenti nei diversi periodi storici.

    Prevalenti nei diversi periodi storici, dicevo. Ma allora forse ho torto io e tutti quelli che la pensano come me. Non mi sono, non ci siamo adeguati!  Attenzione, parlo per me: io, grazie al cielo, non mi saprò, potrò, vorrò adeguare, in questo confortato anche dal fatto che il Nostro scrive: ‘L’Architettura non è questione di gusto, ma di qualcosa che va oltre. LIBERO COMUNQUE OGNUNO DI ESPRIMERSI”.

    Rinfrancato da questo “permesso”, seguendo l’esempio di L. Sciascia che volle intitolare un suo celebre romanzo “unicuique suum!”, termino anch’ io dicendo alto e forte: “a ciascuno il suo”, confidando nel fatto che chi mi legge non DORME DA SVEGLIO.

    Ringrazio dell’ospitalità.

    Paolo Faldoni, socio di Italia Nostra

    Read Full Post »

    Ecco la replica di Mazzini a Manganelli ; per vedere la foto del restauro clicca qua

    Clicca per Ingrandire

    Read Full Post »

    Ecco la posizione di Manganelli; per vedere la foto del restauro clicca qua

    Read Full Post »

    Il giorno 20 Febbraio è apparsa sul Corriere di Siena una ‘querelle’ tra Gianfranco Manganelli e Augusto Mazzini, relativa alle diverse valutazioni effettuate sul restauro e sull’aumento di volumetria del podere Caselunghe a Scacciapensieri. 

    Ecco la foto del restauro; nei post successivi daremo spazio alle varie opinioni 

    clicca per ingrandire

    Read Full Post »

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: